7 segreti militari declassificati - Focus.it canadese bomba dell'oca

Home | CULTURA | Mistero

7 segreti militari declassificati

​Da un disco volante supersonico a una città nascosta nei ghiacci: i dettagli, un tempo segreti, dei più curiosi e spietati piani bellici abbandonati.

camp-century-5gallery-1446672202-pmx0213058ereu_rtr45sgucon_h_6.18007175_webcon_h_6.01949613_web207151main_vonbraun-kennedy_wcon_h_24.1938470_webApprofondimenti
camp-century-5

Assurdi, inquietanti, terrificanti, grotteschi se letti col senno di poi: sono le caratteristiche di alcuni ambiziosi progetti militari un tempo segretissimi, e in seguito declassificati (cioè resi accessibili e non più riservati). Ecco 7 operazioni militari o della CIA delle quali siamo venuti a sapere solo dopo la loro cancellazione.

Progetto Iceworm. L'operazione militare statunitense avviata negli anni '60 prevedeva di ricavare una base di lancio per missili balistici sotto la calotta di ghiaccio della Groenlandia, abbastanza vicina all'Unione Sovietica per colpire siti sensibili. Per testarne la fattibilità gli USA crearono una città sotterranea chiamata Camp Century, che fu in seguito abbandonata per le condizioni instabili del ghiaccio (e che però può fare ancora danni). Il progetto fu reso noto dal governo danese solo nel 1995.

gallery-1446672202-pmx0213058e

Progetto 1794. A fine 2012, l'aeronautica militare USA declassificò i documenti relativi al progetto di costruire un velivolo a forma di "disco volante" che potesse contrastare i bombardieri russi. I piani avviati nel 1950 prevedevano la costruzione di un mezzo capace di raggiungere velocità Mach 4 (4 volte la velocità del suono) e i 30.480 metri di quota: una sorta di navicella supersonica capace di volare nella stratosfera. L'azienda canadese Avro Aircraft Ltd. si occupò di realizzarne alcuni prototipi al costo di 3 milioni di dollari dell'epoca (circa 23 milioni di euro attuali), ma l'Avrocar - questo il nome del mezzo - si rivelò molto instabile e rumoroso e il progetto fu cancellato nel 1961.

reu_rtr45sgu

Progetto MK-ULTRA. Dietro a questo nome in codice si nascondeva il progetto della CIA per il controllo della mente che ha ispirato noti film, come Ipotesi di complotto e The Manchurian Candidate. Il programma illegale e clandestino prevedeva esperimenti su potenziali metodi di controllo della mente, come ipnosi, somministrazione di LSD e barbiturici, tecniche di tortura, per istruire assassini inconsapevoli e "programmati" allo scopo, o controllare leader scomodi. Approvato nel 1953, il programma fu cancellato definitivamente 20 anni dopo, quando l'allora capo della CIA ordinò la distruzione dei suoi documenti. Ma 4 anni dopo, dopo una difficile indagine, quei fogli furono desegretati.

con_h_6.18007175_web

Area 51. Nessun altro sito "segreto" è famoso come quest'area militare a 134 km da Las Vegas, in Nevada. Nel luglio 2013, la declassificazione di alcuni documenti della CIA rivelò che l'area era stata per anni utilizzata per testare progetti aerei segreti, tra i quali gli aerei spia da ricognizione U-2, usati nei programmi di sorveglianza contro l'Unione Sovietica. Il carattere di segretezza dell'area aveva attirato le voci sui possibili avvistamenti ed esperimenti alieni, ma la realtà delle cose non era meno affascinante.
Le testimonianze sugli UFO dagli archivi segreti della CIA

con_h_6.01949613_web

Progetto Grudge. Anche se non nell'Area 51, l'aeronautica USA si occupò brevemente dello studio degli oggetti volanti non identificati, nel cosiddetto Progetto Grudge (in italiano "Progetto rancore") dal 1947 al 1949. Le conclusioni del breve programma di studio furono che molti "avvistamenti" sembravano effettivamente riconducibili a velivoli, ma che non c'erano dati a sufficienza per stabilirne l'origine. I critici del progetto sostenevano che ogni valutazione fosse partita dalla premessa che gli UFO non esistono, e che pertanto le analisi di questo programma non fossero attendibili.
7 "avvistamenti" di ufo italiani

207151main_vonbraun-kennedy_w

Operazione Paperclip. Nel 1946, a conclusione della Seconda Guerra Mondiale, il Presidente degli Stati Uniti Harry Truman autorizzò l'operazione, che prevedeva di attirare negli Stati Uniti le menti che avevano servito il nazismo, per evitare che quelle conoscenze militari e tecnologiche passassero all'Unione Sovietica. L'operazione proseguì fino agli anni '70 e attirò tra gli altri anche il barone Wernher von Braun: lo scienziato, da ideatore di razzi militari nazisti, divenne il progettista del razzo Saturn V, che portò l'uomo sulla Luna. 7 invenzioni che (in un certo senso) dobbiamo ai nazisti

con_h_24.1938470_web

Progetto Manhattan. Il tristemente noto progetto di ricerca per la realizzazione delle prime bombe atomiche iniziò nel 1939 per rivelarsi, in tutto il suo disastroso potenziale, il 16 luglio 1945, con il Trinity Test nella base di Alamogordo, 193 km a sud di Albuquerque, nel Nuovo Messico. Un mese dopo quel primo, impressionante fungo atomico, due bombe atomiche distrussero Hiroshima e Nagasaki. Le fotografie delle prime bombe furono declassificate solo negli anni '60.

Assurdi, inquietanti, terrificanti, grotteschi se letti col senno di poi: sono le caratteristiche di alcuni ambiziosi progetti militari un tempo segretissimi, e in seguito declassificati (cioè resi accessibili e non più riservati). Ecco 7 operazioni militari o della CIA delle quali siamo venuti a sapere solo dopo la loro cancellazione.

Progetto Iceworm. L'operazione militare statunitense avviata negli anni '60 prevedeva di ricavare una base di lancio per missili balistici sotto la calotta di ghiaccio della Groenlandia, abbastanza vicina all'Unione Sovietica per colpire siti sensibili. Per testarne la fattibilità gli USA crearono una città sotterranea chiamata Camp Century, che fu in seguito abbandonata per le condizioni instabili del ghiaccio (e che però può fare ancora danni). Il progetto fu reso noto dal governo danese solo nel 1995.
11 Novembre 2016 | Elisabetta Intini
cultura, mistero, cia, segreti militari, progetti militari, test militari, aerei militari, area 51, progetto manhattan, trinity test, aeronautica usa, guerra fredda
Approfondimenti
Il volo segreto dello shuttle dell'Usa Air Force
Hiroshima e Nagasaki: l'Era Atomica
Le testimonianze sugli UFO dagli archivi segreti della CIA
7 società segrete che hanno influenzato la Storia
CONTENUTI CORRELATI
area51 9 cose che forse non sai sull'Area 51
defendants_in_the_dock_at_nuremberg_trials Dove sono finiti i nazisti scampati a Norimberga?
con_h_16.14822919 Hiroshima prima e dopo la bomba atomica
roswell_ufo_museum_5527823449 Buon compleanno, Alieni di Roswell
reu_rtr4ammq_web Shuttle X-37B: missioni misteriose
Più letti di Cultura
Thanksgiving: che cos'è il giorno del Ringraziamento?Qual è l'origine del Black Friday?Come si insultavano gli antichi?9 cose che forse non sai sull'Area 51Si lancia con un razzo autocostruito per dimostrare che la Terra è piattaNo, non c'era nessun uomo senza tuta sulla Luna
Più CONDIVISI di Cultura
Thanksgiving: che cos'è il giorno del Ringraziamento?Qual è l'origine del Black Friday?Un eccezionale ritrovamento dall'antica GreciaMarie Curie: vita e vittorie di un genio ossessivoTutte le volte che qualcuno ha detto che Hitler non è morto ed è scappatoLe rivolte più strane della storia
  • SCIENZA
    • Spazio
    • Salute
    • Energia
    • Scienze
  • AMBIENTE
    • Natura
    • Ecologia
    • Animali
  • TECNOLOGIA
    • Digital life
    • Tecno-prodotti
    • Innovazione
    • Motori
    • Architettura
  • CULTURA
    • Arte
    • Mistero
    • Storia
    • Curiosità
  • COMPORTAMENTO
    • Psicologia
    • Scuola e Università
    • Sessualità
    • Economia
  • FOTO
  • QUIZ
  • VIDEO
  • Realtà aumentata

GIOCHI

Focus Quiz

ACCEDI

  • MAGAZINE
  • MONDO FOCUS
    • Focus e Speciali
    • Focus Storia e Speciali
    • Focus Junior e Speciali
    • App e eBook
    • Iniziative
    • Abbonamenti
    • Sconti
  • SCONTI
canada goose heli arctic parka"FCfooter2a" class="HAbbona" style="background-image: url(https://origin-cover.mondadori.it/focus_cover150.jpg)">
ABBONATI

SCARICA L’APP

iOS Android Amazon

SEGUICI

Facebook Twitter Google+ YouTube Pinterest

Mondadori Scienza

ALTRI SITI

Focus Junior Nostrofiglio.it Geomondo

  • © Mondadori Scienza S.p.A.
  • | P.IVA 09440000157
  • | Contatti
  • | Chi siamo
  • | Pubblicità
  • | Informativa Privacy
  • | Privacy Policy
  • | Cookie Policy
  • | Condizioni d'uso
  • | Mappa sito
  • | Crediti

canadese bomba dell'oca

canada goose victoria
canada goose butik
montebello canada goose

.dcls-1,.dcls-2{fill:#fff}.dcls-2{fill-rule:evenodd}

Martedì 28 Novembre Cerca Accedi Vedi dopo Ricerca

News e approfondimenti per il tag:

Tag correlati Più risultati TGCOM24 Sezioni Cronaca Mondo Economia Politica Spettacolo Televisione People Donne Magazine Motori Viaggi Cucina Tgtech Green Cultura Salute Skuola Animali Speciali Elezioni Sicilia 2017 Venezia 74 Attacco a Barcellona Comunali 2017 Addio Paolo Villaggio Grande Fratello vip Cannes 70 Amici 16 Referendum Strage di Berlino 2016: cronaca di un anno Fidel Castro Isola dei Famosi 2017 Elezioni Usa 2016 Addio a Dario Fo Sisma in Centro Italia Auguri Presidente Olimpiadi 2016 Golpe in Turchia Attacco a Nizza Scontro treni La strage di Dacca Europei 2016 Amministrative 2016 E' morto Prince L'addio a David Bowie Attacco a Bruxelles Giubileo Rubriche Tiratura Oroscopo Showbiz #tgcom24amarcord Cotto e Mangiato Tgcom Consiglia Infinity R101 Mediashopping Campus Multimedia Aperitivo in Concerto Il Giornale.it Assicurazione.it Immobiliare.it Storie d'impresa Coupon e offerte Eventi Fuorisalone 2017 Salone del Risparmio 2017 L'Artigiano in Fiera 2017 Linkontro 2016

Browsing Category Racconti/Romanzi

“Un gatto alla finestra” di Hans Tuzzi

agosto 9th, 2012 // 4:15 pm @ Tilde

A Milano, una notte d’inizio estate del 1984, due bambine scompaiono da casa.

Vengono ritrovate nelle solitudini del quartiere di Lambrate: volevano giocare, ma si erano perse.

Due giorni dopo i genitori si presentano in questura: Patrizia e Valeria hanno lo stesso incubo, che si ripete. Ch cosa hanno visto dietro una finestra illuminata?

Una nuova indagine del commissario Melis in una Milano di peroferia, dove nelle strade sempre più deserte di una città afosa già abbandonata da chi può, si vedono ancora gli operai uscire dai cancelli delle grandi fabbriche, la sera, al suono lugubre delle sirene.

Estratto del libro:

“Oh dottore, è qui”. Le dita gialle di nicotina, l’aria perennemente infelice, il piccolo Sntanicchia sembrò sinceramente contento di vedere Melis, suo diretto superiore presso la Questura centrale sino a pochi mesi prima. A farla breve, alle 21,00 i coniugi Folicaldi e Maggi, età fra i trenta e i quaranta, si erano presentati insieme al commissariato per denunciare la scomparsa delle rispettive figlie, Patrizia e Valeria, figli uniche, entrambe di anni sei, compagne di classe e amiche inseparabili.  – Le due famiglie – spiegò Santanicchia – abitano in via Conte Rosso, in due case l’una di fronte all’altra – Era la prima volta che le bambine, uscite forse a giocare, non rientravano per l’ora di cena, e i genitori, sempre più preoccupati, si erano decisi a ricorrere alla Polizia…

Hans Tuzzi

Hans Tuzzi, pseudonimo di Adriano Bon (Milano, 1951), è uno scrittore e saggista italiano.
Studioso, consulente editoriale e docente universitario (master in editoria cartarcea e multimediale all’Università di Bologna), con lo pseudonimo Hans Tuzzi – che è il nome di un personaggio del romanzo L’uomo senza qualità di Robert Musil – ha scritto una serie di romanzi gialli ambientati a Milano e con protagonista il commissario Norberto Melis.

Tra le sue pubblicazioni ricordiamo:
Il maestro della testa sfondata, Perché Yellow non correrà, Come il cielo sull’Annapurna, Tre delitti un’estate. Calde vacanze per il commissario Melis, La morte segue i magi, L’ora incerta tra il cane e il lupo.

Category : Racconti/Romanzi

“Dire mai e altri racconti” di David Foster Wallace

agosto 4th, 2012 // 10:36 am @ Tilde

Due dirigenti alle prese con un messaggio cardiaco “Per fortuna il funzionario commerciale sapeva fare il massaggio cardiaco”

Con frasi ridondanti, burocratiche, viene descritta in poche pagine una tragedia metropolitana. Due funzionari si incontrano nel grande garage della ditta. Valigetta, cravatta. Il più corpulento dei due fa un infarto, appena prima di salire in macchina. Si accascia a terra. La scena è al rallenty, e la padronanza, la virtuosità della scrittura di Wallace è totale. Assistiamo con i nostri occhi alla catasfrofe, questo è quanto. L’altro funzionario corre in soccorso del morente e comincia il massaggio cardiaco e la respirazione bocca  bocca. Uno, due, tre, quattro, soffio. E poi di nuovo: uno, due… alla fine del soffio, quando l’aria esce dalla gola del malato, il funzionario alza la testa e grida “Aiuto!” con tutta la sua forza. Ma sono in un grande garage sporco, la vita è molti piani più in basso. Non importa, il funzionario continua con il massaggio e la respirazione. Questo grido inutile, questo “Aiuto!” graidato nel vuoto, per un pò ha fermato anche il nostro, di cuore.


Un ragazzo ricco e i suoi amici punk “La ragazza dai capelli strani”

“La ragazza dai capelli strani” è una delle prime opere di David Foster Wallace. E’ una raccolta di racconti che non hanno un collegamento tra di loro, ma descrivono in maniera attenta e vigile le diverse caratteristiche della cultura americana. Un excursus interessante tra la cultura della televisione (Piccoli animali senza espressione, La mia apparizione) o quella pop-punk (La ragazza dai capelli strani), tra personalità sole, nevrotiche e alienate, nel mondo pubblico della politica (Lyndon) o privato di persone semplici e comuni (Dire mai).
Un modo di raccontare unico e non solo nel senso di difficile inquadramento, che lo rende di sicuro interessante e particolare, ma anche nel senso che dà l’impressione che il linguaggio cambi per ogni racconto, come in un tentativo (a mio modo di vedere riuscito) di far indossare alla particolare storia descritta l’abito che più le si adatta. In alcuni casi si può notare come la descrizione non è lineare ma ha degli scarti improvvisi oppure è un palleggiarsi di punti di vista con finali accennati, abbozzati o quasi inesistenti.
Un quadro quindi della cultura americana fatto con grande acume e con un linguaggio che dà l’impressione di entrare di taglio nelle problematiche per carpirne le più recondite ragioni.
Tanti gli spunti di riflessione che quest’opera offre perché diversi sono i temi affrontati così come tante le sensazioni che uno può ricercarvi. Riporto un passaggio, a mio modo di vedere interessante, sulla cultura della televisione e di come questa possa influire negativamente sulla persona. Parlando infatti dei telespettatori
La TV è arrivata a rappresentare tutto il loro universo emotivo, l’unica cosa che hanno, e in un certo senso il loro unico modo di definirsi come esistenti, come essersi dotati di un’identità distinta.
Wallace non è contro la televisione odierna, lui la vede semplicemente come un mezzo di espressione della decadenza dei nostri tempi. In un’intervista (allegata negli extra del libro) dice
La TV è solo un sintomo come tanti altri. Non è stata la TV a inventare il nostro infantilismo estetico così come non è stato il progetto Manhattan a inventare l’aggressività. Le armi nucleari e la TV hanno semplicemente intensificato le conseguenze di certe nostre tendenze, hanno alzato la posta in gioco.
Chiude la raccolta un racconto inedito. “La ragazza dai capelli strani” infatti esce negli Stati Uniti nel 1989. In questa edizione viene aggiunto un racconto inedito uscito sul New Yorker nel 2007 col titolo “Brave Persone”. Leggendolo si nota una discontinuità nel modo di rappresentare fatti e persone rispetto ai racconti propri della raccolta. Si tratta di un racconto di una certa delicatezza, di due giovani, di una scelta difficile e complessa, una narrazione lineare fatta in tono pacato e intimamente delicato.

Una famiglia distrutta dall’adulterio “Dire mai”

Qui si parla di un adulterio che distrugge volutamente e consapevolmente non solo un rapporto d’amore, non solo una famiglia ma una “costellazione” di persone, tutte le persone che sono legate all’uomo che rompe con la sua vita precedente di “bravo ragazzo”. Ma in questo breve racconto c’è lo spazio anche per altro: una delle più toccanti descrizioni che io ricordi della vecchiaia e delle emozioni d’amore in questo periodo della vita. Inoltre una invenzione da Wallace, la lettera con cui il marito fedigrafo comunica a tutti, tutti quelli della sua costellazione, quello che ha fatto: non so se Wallace si sia rifatto ad episodi reali, di cui ha avuto esperienza diretta o indiretta, ma il solo concepire una lettera del genere e il modo in cui lo scrive è, a mio parere, geniale:
“[…] non è desiderio né intenzione di codesta lettera apertamente sondativa, a) giustificare quelle attività libidinoso/genitali […]; o b) fornire una spiegazione delle stesse, giacchè la spiegazione di qualunque tipo di trasgressione inevitabilmente si metastatizza in giustificazione (vedi a)); ma piuttosto c) informare quelle parti sulle quali la mia esistenza e il comportamento che la definisce si presume possano avere un qualche effetto […]; e d) descrivere […] nonchè e) indicare le conseguenze prevedibili di tali attività per il mittente della presente, per le terze parti direttamente influenzate dalle sue scelte e per quelle terze terze parti le cui circostanze psichiche sono, in qualsivoglia misura, legate alle nostre.”

Tutti i racconti di questa raccolta sono tratti dal libro “La ragazza dai capelli strani” edito da Minimum Fax.

Dall’autore che il “New YorkTimes” ha definito “la mente migliore della sua generazione”, tre racconti ironici, feroci, di struggente bellezza, che illuminano con prosa brillante e iperbolica le crepe della società contemporanea.

Quando fu pubblicata per la prima volta negli Stati Uniti, nel 1989, questa raccolta di racconti confermò David Foster Wallace (all’epoca già autore di un inconsueto romanzo, “La scopa del sistema”) come astro nascente della nuova narrativa americana: uno di quei rari talenti che, come dichiara la scrittrice Zadie Smith, è magistralmente in grado di “unire testa, cuore e viscere” nella sua scrittura. Dagli anni Sessanta di Lyndon Johnson al jazz patinato di Keith Jarrett al talk show dissacratorio di David Letterman, dai quiz televisivi ai ranch dell’Oklahoma, dagli yuppies ai punk, dai giovani matematici di Harvard ai proletari della provincia depressa, nelle sue storie “Wallace descrive e commenta l’intera cultura americana (e soprattutto le nevrosi, le ossessioni, le passioni, il disagio emotivo di tutto l’Occidente contemporaneo) con un’acutezza e un vigore avanguardistico che a distanza di vent’anni mantengono inalterata la potenza di questo libro”. Il volume contiene un racconto inedito dal titolo “Brave persone” uscito nel febbraio 2007 sul “New Yorker”.

David Foster Wallace

Wallace nasce a Ithaca, New York, il 21 febbraio 1962 da Donald Wallace e Sally Foster. Fino alla quarta elementare, Wallace ha vissuto a Champaign, Illinois, per poi trasferirsi a Urbana, dove ha frequentato la Yankee Ridge School. Iscritto all’Amherst College, la stessa università del padre, si è laureato nel 1985 in letteratura inglese e in filosofia, con una specializzazione in logica modale e matematica, per poi frequentare il primo semestre del corso di filosofia presso l’università di Harvard, che abbandonò alla fine del 1989 dopo il ricovero alla clinica psichiatrica McLean’s. La sua tesi in filosofia sulla logica modale, intitolata Richard Taylor’s ‘Fatalism’ and the Semantics of Physical Modality, soggetto del saggio del 2008 del New York Times Consider the Philosopher, è stata premiata con il Gail Kennedy Memorial Prize. Nel 1987 ha ottenuto un Master of Fine Arts in scrittura creativa alla University of Arizona.

Ha insegnato alla Illinois State University per gran parte degli anni novanta e nell’autunno del 2002 è diventato professore di scrittura creativa e letteratura inglese al Pomona College, in California.

Il suo romanzo d’esordio, La scopa del sistema, si ispira alla sua seconda tesi universitaria, ed esce nel 1987. Il mondo della critica letteraria nota subito il talento di Wallace che, a soli venticinque anni, si distingue per il suo stile ironico, complesso e acuto. Nel 1989 esce negli Stati Uniti La ragazza con i capelli strani, una raccolta di racconti che tocca temi tipici di Wallace e viene considerata un suo manifesto poetico e stilistico.

Il secondo romanzo, Infinite Jest, esce nel 1996 e Wallace diviene in poco tempo un autore di culto internazionale. La rivista Time lo include nella lista pubblicata nel 2006 dei 100 migliori romanzi di lingua inglese dal 1923 al 2006. Il romanzo, considerato il capolavoro dello scrittore americano, descrive la complessità della società contemporanea: le difficoltà nei rapporti interpersonali, l’uso delle droghe, il ruolo sempre più importante del mondo dello spettacolo, dei media e dell’intrattenimento, l’esasperata competizione sociale, raccontata attraverso il tennis, sport praticato a livelli agonistici dallo stesso Wallace.

Definito dal New York Times un “Émile Zola post-millennio” e “la mente migliore della sua generazione”, la critica ha spesso paragonato David Foster Wallace ad autori celebrati come Thomas Pynchon, Don DeLillo, Vladimir Nabokov, Jorge Luis Borges. Considerato uno dei rappresentati della corrente letteraria Avantpop, ha ricevuto diversi premi, tra cui la MacArthur Fellowship.

Wallace è stato trovato dalla moglie, Karen Green, impiccato nel patio di casa sua a Claremont, in California, la sera del 12 settembre 2008.

Category : Cultura &Racconti/Romanzi

“Via Dell’Angelo e altri racconti” di Elsa Morante

luglio 25th, 2012 // 8:52 pm @ Tilde

 
“La via dell’Angelo” è un breve racconto scritto da Elsa Morante nel periodo giovanile. E’ inserito nella raccolta intitolata “Lo scialle andaluso”.
… Antonia è una giovane ragazza che ha perso i genitori da piccola ed è stata messa in un convento gestito da tre suore. Il convento si trova in una via detta “dell’Angelo” per via di una grande statua di pietra, posta all’incrocio della via, che rappresenta un angelo. La statua ha due grandi ali ripiegate, è una figura decapitata e monca, in atto di avanzare su larghi piedi anneriti. Si era persa la memoria delle origini della statua, forse era un antico Gabriele, residuo di una chiesa distrutta, forse una vittoria, preda simbolica di battaglia, forse un Angelo che Dio aveva scacciato dal Paradiso per qualche colpa grave e condannato alla Terra. Quest’ultima era l’ipotesi più accreditata dalla leggenda popolare, secondo la quale l’angelo di notte si introduceva nelle case, assumendo svariate forme, rapiva le persone, soprattutto i fanciulli. Molti di coloro che passavano davanti alla statua si segnavano e dicevano una preghiera.
Antonia nel convento è una via di mezzo tra un’educanda, una pensionata e una servetta. A sedici anni Antonia è poco cresciuta, gracile, ha un viso pallido incorniciato dalle trecce nere e due occhi bigi.
Suor Maria Cherubina è anziana, piccola e rugosa, con una voce stridula, ed è addetta alle punizioni di Antonia. Suor Affabile è altissima, magrissima e diritta, ha un viso pallido, non sorride mai e il suo passo non ha suono. Suor Maria Lucilla è piccola e tondeggiante, ride e piange spesso e si occupa della cucina e degli altri servizi. Cuce di nascosto delle camiciole celesti e le ricama con piccoli e bianchi gigli. Antonia le indossa sotto la divisa nera.
Un giorno Antonia urta e rompe una santa lucerna. Suor Maria Cherubina la punisce e le impone di restare nella cappella dove ci sono tre angeli musicanti, il primo con la tromba, il secondo con l’arpa e il terzo con la mandola. Antonia spera che gli angeli inizino a suonare, ma ciò non succede. All’improvviso le compare davanti Suor Affabile che le impone di seguirla e porta Antonia in sagrestia dove la lascia al cospetto di un giovanetto malvestito. Egli propone ad Antonia di seguirlo e, mentre scendono nelle vie scure della città, cala la notte. Arrivano a una piccola e cupa stanzetta e qui il ragazzo impone ad Antonia di fare l’amore. Egli inizia a spogliare Antonia, disapprovando il nero della divisa e compiacendosi per la camiciola azzurra, disapprovando una suora che ricama camicie, anziché pianete. Antonia, senza provare vergogna per la sua nudità, si affaccia alla finestra e vede una verde valle e in cima alla montagna una casa solitaria, ricca di vetrate e altissime guglie le cui vetrate riflettevano bagliori mattutini e voli di rondini. Il ragazzo guarda la casa con sguardo infuocato e dice ad Antonia di non parlagliene più. Intanto anch’egli si spoglia e Antonia rimane ammirata dalla sua bellezza, ma rabbrividendo si accorge che le caviglie sono legate da grosse e pesanti catene di ferro. Antonia capisce che il ragazzo è la statua dell’angelo che ha assunto sembianze umane. Ha paura, ma è ipnotizzata dal profuno d’infanzia e di giardino che emana dalla pelle del ragazzo. Poi entrambi si distendono nel letto e si addormentano. Antonia si sveglia e, per paura di essere lasciata da sola, prende un pezzo dello spago che le lega le trecce e lo lega al polso dell’angelo. Antonia sogna di risalire una vertiginosa e girante scala. Ai piedi di essa c’è Suor Maria Lucilla che singhiozza e cuce pianete.
In questo racconto sono presenti elementi fantastici e simboli religiosi che conferiscono al racconto una cupa atmosfera.
“Pieni d’incantesimo nel senso più profondo della parola” scrive Giorgio Caproni nel 1964 presentando questi racconti di Elsa Morante, tra l più importanti scrittrici italiane del Novecento, di cui ricorre nel 2012 il centenario della nascita.
La folle ossessiona di una nonna.
L’incontro con l’amore di un’orfana cresciuta in convento.
Il gioco segreto di tre fratellini.
Un compagno di classe misterioso.
L’animo infantile di una gran dama.
In cinque storie segnate da un’atmosfera fiabesca, la realtà lascia il posto al sogno e l’esistenza, per sfuggire al dramma, si nutre di magia.
 
 Elsa Morante, da «narratrice nata», offre appassionatamente tutta la sua esistenza alla letteratura.

Nasce a Roma il 18 agosto del 1912: figlia di Irma Poggibonsi, maestra elementare ebrea, e di Francesco Lo Monaco. Cresce tuttavia in casa del padre anagrafico Augusto Morante, istitutore in un riformatorio per minorenni. Alla fine degli studi liceali, lascia la famiglia e va a vivere per conto proprio; ma la mancanza di mezzi economici la costringe ad abbandonare la facoltà di Lettere. Negli anni Trenta vive infatti da sola, mantenendosi con la redazione di tesi di laurea, dando lezioni private di italiano e latino, e in seguito collaborando a riviste e a giornali, tra cui il «Corriere dei Piccoli». Tra il 1939 e il 1941, inoltre, lavorerà assiduamente per il settimanale «Oggi». Nel 1936 conosce, tramite il pittore Capogrossi, Alberto Moravia che sposerà nel 1941. Nel ’41 viene pubblicato anche il suo primo libro, Il gioco segreto, in cui è raccolta una piccola parte della vasta produzione narrativa destinata ai giornali; mentre l’anno successivo appare il libro di fiabe Le bellissime avventure di Caterì dalla trecciolina, illustrato della stessa Morante. Le sue personali e familiari inquietudini, il suo appassionato gusto della finzione emergono già nel Diario, redatto dal 19 gennaio al 30 luglio 1938, ma pubblicato solamente nel 1990.

Con Moravia vive prima ad Anacapri e poi a Roma, in un piccolo appartamento in via Sgambati, dove nel 1943 inizia a scrivere il suo primo romanzo Menzogna e sortilegio, interrompendone tuttavia la stesura per seguire il marito, indiziato di antifascismo, sulle montagne di Fondi, in Ciociaria. Nell’estate del ’44 ritorna a Roma, ma intanto il suo complicato e difficile rapporto con Moravia alterna momenti di comunicazione intensa ad altri di distacco e malessere. In Elsa Morante, infatti, il bisogno di autonomia contrasta con una forte esigenza di protezione e di affetto. Allo stesso modo desidera e rifiuta la maternità, a cui rinuncia, ma di cui rimpiange, al tempo stesso, la possibilità perduta.

Nel 1948, dopo un primo viaggio in Francia e in Inghilterra, esce Menzogna e sortilegio, con cui vince il premio Viareggio. Moravia e la Morante, con il migliorare della loro situazione economica, si trasferiscono in un attico in via dell’Oca, che ben presto diverrà uno dei più frequentati ritrovi del mondo intellettuale romano. Nei primi anni Cinquanta la Morante tiene un nuovo diario, che presto interrompe. Collabora con la Rai, viaggia, scrive il racconto Lo scialle andaluso e lavora alla redazione del suo secondo romanzo L’isola di Arturo, che esce con notevole successo nel 1957, vincendo il premio Strega. Subito dopo visita con una delegazione culturale L’Unione Sovietica e la Cina. Nel 1959, durante un viaggio negli Stati Uniti, conosce il giovane pittore newyorkese Bill Morrow, con cui instaura un’intensa amicizia. Nel 1960, pur non abbandonando la residenza coniugale e il proprio studio ai Parioli, si trasferisce in un appartamento tutto per sé in via del Babuino. Viaggia con Moravia in Brasile e l’anno successivo, insieme anche a Pasolini, si reca in India. Nel 1962 si separa definitivamente dal marito e vive la tragica esperienza della morte dell’amico Bill Morrow, precipitato nel vuoto da un grattacielo. Gli anni successivi sono assai drammatici per la Morante, che pur continuando a viaggiare (in Andalusia, in Messico, nel Galles), appare tormentata dall’ossessione della morte del suo giovane amico e dalla minaccia della vecchiaia. Non solo, ma nella conferenza del 1965 Pro e contro la bomba atomica (uscita da Adelphi nel 1987) e nelle poesie de Il mondo salvato dai ragazzini (1968), si rileva anche una nuova forte inquietudine per i pericoli che minacciano l’umanità insieme ad un nuovo desiderio di intervento sul mondo. Nel 1974 esce, ottenendo un immenso successo popolare, ma suscitando diverse polemiche e riserve, il suo terzo romanzo La storia. Nel 1976 inizia la stesura del suo ultimo romanzo Aracoeli, che porterà a termine e pubblicherà solamente nel 1982, essendosi fratturata nel 1980 un femore. Dopo aver subito un intervento chirurgico, trascorre gli ultimi anni di vita a letto, non potendo più camminare. Nell’aprile del 1983 tenta il suicidio aprendo i rubinetti del gas, ma viene salvata da una domestica. Dopo un nuovo intervento chirurgico rimane in clinica, a Roma, dove muore d’infarto il 25 novembre del 1985.

Category : Racconti/Romanzi

“La sala da ballo” e altri racconti di William Trevor

luglio 9th, 2012 // 4:54 pm @ Tilde

– Una donna non più giovane cerca marito in una sala da ballo.

– Un ragazzo che ha appena perso il padre ne scopre i segreti in un albergo di Dublino.

– Un giovanotto di campagna sposa la ragazza dei suoi sogni in seguito ad una misteriosa gravidanza.

Tre storie irlandesi animate da una malinconica tensione, mentre la vita scorre in queste esistenze all’apparenza ordinarie.

William Trevor nasce nel 1928 a Mitchelstown, in Irlanda, da una famiglia protestante. Laureato in storia al Trinity College, esordisce nel 1958 con “A Standard of Behaviour”.

Sette anni più tardi vince l’Hawrthornden Prize per “The Old Boys”.

Tra le sue opere pubblicate in Italia: “Giochi di ragazzi” (1976) “Marionette del destino” (1983) entrambi vincitori del Whitbread Award, e  “Il viaggio di Felicia” (1994), da cui nel 1999 è stato tratto l’omonimo film di Atom Egoyan con Bob Hoskins.

E’ stato definito dal “New Yorker” il più grande scrittore vivente di racconti in lingua inglese.

Category : Cultura &Racconti/Romanzi

“Un altro mare” di Claudio Magris

luglio 9th, 2012 // 3:46 pm @ Tilde

Storia di un’amicizia, di un sodalizio tra giovani intellettuali sorto in una soffitta e capace di valicare ogni confine, anche quello della morte. Incarnazione nell’uno dell’ideale teorizzato dall’altro. Un legame forte. E un sospingersi sempre più verso il niente, desiderandolo e cercandolo con ostinazione.

Fino alla naturale dissoluzione, allo smarrimento di sé e della memoria stessa. Allora forse si raggiunge pace. E felicità nell’oblio più assoluto.

Con uno stile raffinatissimo e una prosa affascinante, Magris ricostruisce in questo breve libro la storia di Enrico Mreule, giovane letterato goriziano, grecista, amico di Carlo Michelstaedter e di Nino Paternolli. I tre avevano costituito un autentico sodalizio umano e intellettuale, si ritrovavano nella soffitta di Nino a leggere e a discutere di filosofia e letteratura.

Carlo si era subito rivelato come colui che sapeva elaborare e collocare nella giusta luce le immagini:”Un’immagine che passa per la testa e cade nel nulla se non viene raccolta da qualcuno che la sa mettere al posto giusto e farla risplendere. Forse è stato anche uno degli apostoli a mostrare a Gesù, così per caso e senza capire, un giglio del campo. Lui e Nino portavano tante note in quella soffitta, le prendevano dovunque, dentro di sé, sui visi della gente, dalle foglie gialle degli ippocastani di Piazza Ginnastica, ma è Carlo che con quelle note sparse sapeva fare una nona sinfonia” (p. 14)

Si era creato un legame intenso e profondo, forte.

Nel 1910 Enrico decide di partire  per la Patagonia.

Le pagine iniziali del testo di Magris ce lo mostrano in piena navigazione sull’Atlantico, di notte, mentre osserva l’oceano e ripercorre la sua vicenda:

“Ora, intorno a lui, nient’altro che il mare. […] Sono ore e ore che sta sul ponte, immobile, mai stanco di quelle cose che non cambiano.” (pp. 9-10)

Enrico si lascia avvolgere dal vento della notte e dal rumore del mare, con noncuranza si libera da pensieri e rimorsi e naviga nella grande distesa, perseguendo il niente, annullando desideri e passioni. Incarnando quell’ideale che Carlo andava teorizzando, Carlo che era rimasto a Gorizia a scrivere ed elaborare il suo pensiero, e col quale Enrico ha un rapporto empatico.

“Carlo gli aveva detto che, nell’ora in cui la nave doveva salpare, sarebbe salito sull’abbaino della soffitta per guardare, nella sera che si spegneva, in direzione di Trieste, là dove lui, Enrico, partiva, quasi i suoi occhi potessero frugare nel buio e salvare le cose dall’oscurità, lui che aveva insegnato che filosofia, amore della sapienza indivisa, vuol dire vedere le cose lontane come fossero vicine, abolire la brama di afferrarle,  perché esse semplicemente sono, nella grande quiete dell’essere. Chissà com’era il suo viso, mentre si sporgeva dalla finestra, gli occhi neri nella notte, se non c’era un’ombra di impersuasa malinconia per la sua partenza e amaro desiderio di fermare la sua corsa, che pure aveva tanto, forse troppo ammirata.” (p. 13)

Enrico ricorda la loro vita di giovani, le ragazze: Paula, la sorella di Carlo; Fulvia, Argia, la fidanzata di Carlo, le gite in barca.

Notazioni cromatiche e paesaggistiche vivissime evocano lo sfondo in cui si muovono le figure umane.

Enrico trascorre intanto i suoi giorni sulla nave , quasi al di là dal tempo:

“I giorni si sovrappongono, si confondono e si cancellano”. (p. 25)

Enrico sbarca a Las Palmas, ha fugaci incontri amorosi, gode e dimentica subito dopo, sembra fluttuare nel nulla e nell’assoluta ricerca di anonimato, vuole realizzarsi per riduzione, smettere di desiderare, scomparire quasi.

La sua è una continua dialettica col niente, sempre sul confine della dissoluzione.

Enrico è l’incarnazione di ciò che Carlo teorizza e così le loro due figure s’alternano tra le pagine, in una sorta di corrispondenza biunivoca. L’uno sceglierà il  suicidio, l’altro una vita schiva e solitaria.

Enrico, giunto in Patagonia, va a fare il gaucho: vive con lo stretto indispensabile in ampi spazi, circondato da una grande solitudine, a contatto con la natura.

La Patagonia è terra battuta dai venti, illuminata da vasti tramonti, selvaggia, terra di confine come la patria di Enrico.

I contatti umani sono pochi e scarse anche le lettere di Enrico agli amici lasciati in Italia. Rifiuta di fare il maestro in una scuola sudamericana perché “ogni sapere è rettorica, e insegnarlo ancora peggio” (p. 33).

Niente discepoli, niente legami, Enrico vive da solitario, da distaccato da tutto e da tutti “non si cura di quello che succede a Gorizia” (p. 40).

“Non conta i giorni né le settimane, calcola il tempo secondo unità più elastiche e labili, la prima folata di nevischio, lo scolorire dell’erba, il periodo dell’accoppiamento  del guanaco” (p.  42).

Riceve posta da Carlo, che in lui ripone speranze, vede realizzarsi un Ideale.

“Sì, il cuore è rimasto a Gorizia, dov’è Carlo, ma si vive benissimo senza il cuore, come con una gamba o una mano di legno; basta fare un po’ d’esercizio e dopo un po’ si monta di nuovo in sella senza difficoltà, solo che è difficile spiegarlo”(p. 35).

Enrico si sente “una forma cava, l’impronta di qualcosa che gli è stata portata via” (p. 36).

Carlo si sparerà con la pistola che gli ha lasciato Enrico, lui lo verrà a sapere un anno dopo da una lettera di Nino.

Enrico si ritrova ad essere l’erede e l’incarnazione del pensiero di Carlo. Lui è l’uomo «persuaso», l’uomo libero “cui le cose dicono «tu sei» e che gode solo perché è, senza nulla chiedere né temere, né la vita né la morte, pienamente vivo sempre e in ogni istante, pure nell’ultimo” (p. 44).

A Enrico pesa quest’incarico, lui cerca solo il niente, il torpore dei giorni uguali, senza orologi, senza impegni, in una sorta di perenne anonimo fluttuare.

Nella pampa Enrico si ammala due volte di scorbuto: decide allora di tornare in patria, nel 1922 è a Gorizia, poi a Umago e soprattutto a Salvore, in Istria, al mare.

Insegnerà greco e latino in seminario e darà lezioni private, si sposerà, ma il matrimonio non avrà lunga durata per lo stile di vita eccessivamente spartano imposto da Enrico alla moglie. Niente figli, né discepoli. Alla fine solo la dedizione di un’altra donna accompagnerà Enrico nell’ultima fare della sua vita.

Nel frattempo si dipaneranno le vicende della storia: il fascismo, la seconda guerra mondiale, i partigiani, Tito, ma Enrico è sempre un isolato, estraneo a tutto, vive del solo presente. Verrà anche arrestato e picchiato dai titini e poi rilasciato.

La filosofia di Carlo continuerà ad essere presente, come se  lui fosse vivo con i suoi occhi scuri e vivaci:

“La persuasione, dice Carlo, è il possesso presente della propria vita e della propria persona, la capacità di vivere pienamente l’istante, senza sacrificarlo a qualcosa che ha da venire o che si spera arrivi quanto prima, distruggendo così la vita nell’attesa che passi più presto possibile. Ma la civiltà è la storia degli uomini incapaci di vivere persuasi, che costruiscono l’enorme muraglia della rettorica, l’organizzazione sociale del sapere e dell’agire, per nascondere a se stessi la vista e la coscienza del loro vuoto” (p. 59).

Solo il presente deve esistere, “Ma forse bisogna estinguere non solo la vanità di successo bensì ogni volere, pure la volontà del bene che sorrideva in quegli occhi scuri, pure l’esigenza del valore, perché ogni esigenza incalza e brucia il presente…[…] Anzi anche il mare è troppo, perché gli rilancia la grande promessa di felicità e la grande ricerca di significato, che – come ogni ricerca- soffoca la felicità. Meglio la terra, torpida sotto il piede” (p. 60).

Enrico riceve poche e scelte visite, tra cui quella del poeta Biagio Marin; invecchia, infine scivola nell’oblio e si dissolve nel 1959.

La sua morte era stata retrodatata di ventisei anni. La sua volontà di dissoluzione e di annullamento era stata così forte da farlo scomparire anzitempo agli occhi del mondo.

Enrico Mreule rimane una figura inquietante e disperata, recuperata dalla magica prosa di Magris e riportata alla luce da quel niente tanto pervicacemente perseguito.

Storia di un’amicizia, di un sodalizio tra giovani intellettuali sorto in una soffitta e capace di valicare ogni confine, anche quello della morte. Incarnazione nell’uno dell’ideale teorizzato dall’altro. Un legame forte. E un sospingersi sempre più verso il niente, desiderandolo e cercandolo con ostinazione.

Fino alla naturale dissoluzione, allo smarrimento di sé e della memoria stessa. Allora forse si raggiunge pace. E felicità nell’oblio più assoluto.

Con uno stile raffinatissimo e una prosa affascinante, Magris ricostruisce in questo breve libro la storia di Enrico Mreule, giovane letterato goriziano, grecista, amico di Carlo Michelstaedter e di Nino Paternolli. I tre avevano costituito un autentico sodalizio umano e intellettuale, si ritrovavano nella soffitta di Nino a leggere e a discutere di filosofia e letteratura.

Carlo si era subito rivelato come colui che sapeva elaborare e collocare nella giusta luce le immagini:”Un’immagine che passa per la testa e cade nel nulla se non viene raccolta da qualcuno che la sa mettere al posto giusto e farla risplendere. Forse è stato anche uno degli apostoli a mostrare a Gesù, così per caso e senza capire, un giglio del campo. Lui e Nino portavano tante note in quella soffitta, le prendevano dovunque, dentro di sé, sui visi della gente, dalle foglie gialle degli ippocastani di Piazza Ginnastica, ma è Carlo che con quelle note sparse sapeva fare una nona sinfonia” (p. 14)

Si era creato un legame intenso e profondo, forte.

Nel 1910 Enrico decide di partire  per la Patagonia.

Le pagine iniziali del testo di Magris ce lo mostrano in piena navigazione sull’Atlantico, di notte, mentre osserva l’oceano e ripercorre la sua vicenda:

“Ora, intorno a lui, nient’altro che il mare. […] Sono ore e ore che sta sul ponte, immobile, mai stanco di quelle cose che non cambiano.” (pp. 9-10)

Enrico si lascia avvolgere dal vento della notte e dal rumore del mare, con noncuranza si libera da pensieri e rimorsi e naviga nella grande distesa, perseguendo il niente, annullando desideri e passioni. Incarnando quell’ideale che Carlo andava teorizzando, Carlo che era rimasto a Gorizia a scrivere ed elaborare il suo pensiero, e col quale Enrico ha un rapporto empatico.

“Carlo gli aveva detto che, nell’ora in cui la nave doveva salpare, sarebbe salito sull’abbaino della soffitta per guardare, nella sera che si spegneva, in direzione di Trieste, là dove lui, Enrico, partiva, quasi i suoi occhi potessero frugare nel buio e salvare le cose dall’oscurità, lui che aveva insegnato che filosofia, amore della sapienza indivisa, vuol dire vedere le cose lontane come fossero vicine, abolire la brama di afferrarle,  perché esse semplicemente sono, nella grande quiete dell’essere. Chissà com’era il suo viso, mentre si sporgeva dalla finestra, gli occhi neri nella notte, se non c’era un’ombra di impersuasa malinconia per la sua partenza e amaro desiderio di fermare la sua corsa, che pure aveva tanto, forse troppo ammirata.” (p. 13)

Enrico ricorda la loro vita di giovani, le ragazze: Paula, la sorella di Carlo; Fulvia, Argia, la fidanzata di Carlo, le gite in barca.

Notazioni cromatiche e paesaggistiche vivissime evocano lo sfondo in cui si muovono le figure umane.

Enrico trascorre intanto i suoi giorni sulla nave , quasi al di là dal tempo:

“I giorni si sovrappongono, si confondono e si cancellano”. (p. 25)

Enrico sbarca a Las Palmas, ha fugaci incontri amorosi, gode e dimentica subito dopo, sembra fluttuare nel nulla e nell’assoluta ricerca di anonimato, vuole realizzarsi per riduzione, smettere di desiderare, scomparire quasi.

La sua è una continua dialettica col niente, sempre sul confine della dissoluzione.

Enrico è l’incarnazione di ciò che Carlo teorizza e così le loro due figure s’alternano tra le pagine, in una sorta di corrispondenza biunivoca. L’uno sceglierà il  suicidio, l’altro una vita schiva e solitaria.

Enrico, giunto in Patagonia, va a fare il gaucho: vive con lo stretto indispensabile in ampi spazi, circondato da una grande solitudine, a contatto con la natura.

La Patagonia è terra battuta dai venti, illuminata da vasti tramonti, selvaggia, terra di confine come la patria di Enrico.

I contatti umani sono pochi e scarse anche le lettere di Enrico agli amici lasciati in Italia. Rifiuta di fare il maestro in una scuola sudamericana perché “ogni sapere è rettorica, e insegnarlo ancora peggio” (p. 33).

Niente discepoli, niente legami, Enrico vive da solitario, da distaccato da tutto e da tutti “non si cura di quello che succede a Gorizia” (p. 40).

“Non conta i giorni né le settimane, calcola il tempo secondo unità più elastiche e labili, la prima folata di nevischio, lo scolorire dell’erba, il periodo dell’accoppiamento  del guanaco” (p.  42).

Riceve posta da Carlo, che in lui ripone speranze, vede realizzarsi un Ideale.

“Sì, il cuore è rimasto a Gorizia, dov’è Carlo, ma si vive benissimo senza il cuore, come con una gamba o una mano di legno; basta fare un po’ d’esercizio e dopo un po’ si monta di nuovo in sella senza difficoltà, solo che è difficile spiegarlo”(p. 35).

Enrico si sente “una forma cava, l’impronta di qualcosa che gli è stata portata via” (p. 36).

Carlo si sparerà con la pistola che gli ha lasciato Enrico, lui lo verrà a sapere un anno dopo da una lettera di Nino.

Enrico si ritrova ad essere l’erede e l’incarnazione del pensiero di Carlo. Lui è l’uomo «persuaso», l’uomo libero “cui le cose dicono «tu sei» e che gode solo perché è, senza nulla chiedere né temere, né la vita né la morte, pienamente vivo sempre e in ogni istante, pure nell’ultimo” (p. 44).

A Enrico pesa quest’incarico, lui cerca solo il niente, il torpore dei giorni uguali, senza orologi, senza impegni, in una sorta di perenne anonimo fluttuare.

Nella pampa Enrico si ammala due volte di scorbuto: decide allora di tornare in patria, nel 1922 è a Gorizia, poi a Umago e soprattutto a Salvore, in Istria, al mare.

Insegnerà greco e latino in seminario e darà lezioni private, si sposerà, ma il matrimonio non avrà lunga durata per lo stile di vita eccessivamente spartano imposto da Enrico alla moglie. Niente figli, né discepoli. Alla fine solo la dedizione di un’altra donna accompagnerà Enrico nell’ultima fare della sua vita.

Nel frattempo si dipaneranno le vicende della storia: il fascismo, la seconda guerra mondiale, i partigiani, Tito, ma Enrico è sempre un isolato, estraneo a tutto, vive del solo presente. Verrà anche arrestato e picchiato dai titini e poi rilasciato.

La filosofia di Carlo continuerà ad essere presente, come se  lui fosse vivo con i suoi occhi scuri e vivaci:

“La persuasione, dice Carlo, è il possesso presente della propria vita e della propria persona, la capacità di vivere pienamente l’istante, senza sacrificarlo a qualcosa che ha da venire o che si spera arrivi quanto prima, distruggendo così la vita nell’attesa che passi più presto possibile. Ma la civiltà è la storia degli uomini incapaci di vivere persuasi, che costruiscono l’enorme muraglia della rettorica, l’organizzazione sociale del sapere e dell’agire, per nascondere a se stessi la vista e la coscienza del loro vuoto” (p. 59).

Solo il presente deve esistere, “Ma forse bisogna estinguere non solo la vanità di successo bensì ogni volere, pure la volontà del bene che sorrideva in quegli occhi scuri, pure l’esigenza del valore, perché ogni esigenza incalza e brucia il presente…[…] Anzi anche il mare è troppo, perché gli rilancia la grande promessa di felicità e la grande ricerca di significato, che – come ogni ricerca- soffoca la felicità. Meglio la terra, torpida sotto il piede” (p. 60).

Enrico riceve poche e scelte visite, tra cui quella del poeta Biagio Marin; invecchia, infine scivola nell’oblio e si dissolve nel 1959.

La sua morte era stata retrodatata di ventisei anni. La sua volontà di dissoluzione e di annullamento era stata così forte da farlo scomparire anzitempo agli occhi del mondo.

Enrico Mreule rimane una figura inquietante e disperata, recuperata dalla magica prosa di Magris e riportata alla luce da quel niente tanto pervicacemente perseguito.

(Claudio Magris)

 

 « La vita – diceva Pistorius, il nostro maestro di grammatica, accompagnando con gesti rotondi e pacati le citazioni latine in quella stanza tappezzata di un rosso che la sera s’incupiva e si spegneva, brace dell’infanzia che ardeva nel buio – non è una proposizione o un’asserzione, ma un’interiezione, un’interpunzione, una congiunzione, tutt’al più un avverbio. »
(Claudio Magris, Alla cieca (2005))

Ha insegnato letteratura tedesca prima presso l’Università di Torino, poi presso quella di Trieste. Impostosi giovanissimo all’attenzione della critica con Il mito asburgico nella letteratura austriaca moderna (1963, elaborazione della tesi di laurea), è stato fra i primi a rivalutare il filone letterario di matrice ebraica all’interno della letteratura mitteleuropea, e all’interno di una prospettiva metalinguistica, con Lontano da dove. Joseph Roth e la tradizione ebraico-orientale (1971). Danubio (1986), forse il suo capolavoro, lo consacra come uno dei massimi scrittori italiani contemporanei.

Con questo libro vince il Premio Bagutta nel 1986 e successivamente il Premio Strega nel 1997 con il romanzo Microcosmi e il Premio Principe delle Asturie nel 2004 nella sezione Letteratura e nel 1999 gli vengono assegnati il Premio Chiara alla carriera e il Premio letterario Giuseppe Acerbi, Premio speciale per la saggistica, nel 2007 vince il Premio Mediterraneo per stranieri con À l’Aveugle.

Di fede repubblicana, è stato senatore dal 1994 al 1996 eletto nella “lista Magris”, collegata alla coalizione dei Progressisti. Nel 2006 è divenuto cittadino onorario di Monfalcone. Magris veniva dato come favorito dall’agenzia di scommesse inglese Ladbrokes per la vincita del Premio Nobel per la letteratura 2007, assegnato poi alla scrittrice inglese Doris Lessing. Il 18 ottobre 2009 Claudio Magris viene premiato a Francoforte con il prestigioso premio per la pace «Friedenspreis des deutschen Buchhandels».

È collaboratore del Corriere della Sera. Nel 1960 ha sposato la scrittrice Marisa Madieri (1938-1996), che gli ha dato due figli, Francesco e Paolo. Dopo essere rimasto vedovo si è risposato con la scrittrice triestina Jole Zanetti.

Category : Cultura &Racconti/Romanzi

Anne Tyler “Moto ondoso stabile e altri racconti”

giugno 25th, 2012 // 8:02 pm @ Tilde

Tre racconti della scrittrice di Baltimora. Moto ondoso stabile, Il bernoccolo delle lingue e Chi tiene in piedi la baracca tratti da Il tuo posto è vuoto e altri racconti.
La scrittura è sempre quella bella e pulita di un’autrice che racconta i fatti quotidiani con ironia e realismo, dove ci si può identificare senza per questo banalizzare il quotidiano. I racconti sono piccoli gioielli che tengono alto il nome di una grande autrice, consigliabile a tutti. Di Anne Tyler ci si innamora e non la si lascia più.

I personaggi di Anne Tyler, per quanto un pò eccentrici, li si può riconoscere nella “gente comune”, mogli e mariti, figli e genitori, sorpresi in scene di quotidiana normalità. Il silenzio sommerge affetti e sentimenti, ma ecco che da un gesto casuale, da un’ossessione insignificante nascono le parole che danno voce a quella malinconia profonda, accompagnata da un acuto sense of humor, “Non è soltanto brava, è straordinriamente brava!” ha scritto John Updike di quest’autrice si culto della letteratura americana, celebre per la scrittura nervosa ed elegante.

Nata a Minneapolis, la Tyler è cresciuta a Raleigh in Carolina del Nord e si è laureata presso la Duke University all’età di diciannove anni, perfezionando poi i propri studi di lingua e Letteratura russa alla Columbia University di New York. Ha lavorato quindi come bibliotecaria e bibliografa prima di trasferirsi nel Maryland. Nel 1963 ha sposato lo psichiatra e scrittore iraniano Taghi Mohammad Modarressi, con cui ha avuto due figlie, Tezh e Mitra. Modarressi è scomparso nel 1997. Anne Tyler vive ora a Baltimora, città in cui sono ambientati la maggior parte dei suoi racconti, che in vari casi hanno come soggetto una famiglia, le cui vicende vengono analizzate accompagnandola nel corso degli anni.

Nel 1989, il suo undicesimo romanzo Lezioni di respiro (Breathing Lessons) è stato premiato con il Premio Pulitzer. Ad un altro suo romanzo, Turista per caso (The Accidental Tourist), è stato assegnato nel 1985 il premio del National Book Critics Circle Award. Lo stesso lavoro è stato finalista per il Premio Pulitzer nel 1986 e, nel 1988, ne è stato tratto un film interpretato da William Hurt e Geena Davis

Il suo nono romanzo, Ristorante nostalgia (Dinner at the Homesick Restaurant), che considera il suo lavoro migliore, nel 1983 è stato nella rosa dei finalisti sia per il Premio Pulitzer che il premio PEN/Faulkner. Ha curato l’edizione di tre antologie di racconti: The Best American Short Stories 1983, Best of the South e Best of the South: The Best of the Second Decade.

Pur essendo tra i romanzieri contemporanei di maggior successo, è nota per non concedere mai interviste realizzate con colloqui personali e per partecipare assai di rado ad attività promozionali per i propri libri o ad apparizioni pubbliche di altro tipo. Si è resa tuttavia disponibile a rilasciare interviste tramite e-mail.

Category : Cultura &Racconti/Romanzi

“Il tenente Sturm” di Ernst Junger”

giugno 19th, 2012 // 8:25 pm @ Tilde

 

Durante la Prima Guerra Mondiale, in uno dei suoi momenti più terribili sul Fronte Occidentale, tre giovani ufficiali tedeschi si ritrovano in trincea , dove, nelle pause tra allarmi ed assalti, si scambiano le loro idee e le loro emozioni e riflettono sul significato di quella guerra che (come Junger nel 1914) hanno scelto di fare.
Libro crudo e analitico che tenta di dissecare,  con la precisione di un entomologo ( Junger era laureato in zoologia; fu eroe di guerra, ferito 14 volte) il disastro che quegli uomini stanno vivendo.

In effetti, negli anni successivi al primo conflitto mondiale Ernst Junger dà vita all’autobiografico personaggio del tenente Sturm: ufficiale al comando dei plotoni della terza compagnia schierata sul fronte francese, naturalista e guerriero, spirito eroico e contemplatore solitario, uomo d’azione e scrittore. Persa la guerra, il materiale dei diari prende la forma di un folgorante racconto.

Leggendo questo libro, diciamo che ci si affeziona a questi tre ufficiali, tra cui Sturm.
In mezzo alle bombe, a qualche morto ogni tanto, alla terra di nessuno e ai vari dettagli che una sapiente terza persona snocciola con parecchia coscienza e precisione, in mezzo a tutto questo riesci a trovare simpatici questi tre che parlano di cultura, di scrittura, con Sturm, che gli legge i suoi racconti e gli altri che ascoltano, commentano, discutono.
Nella prima parte, ci sono soprattutto riflessioni sulla guerra,  e così, a fianco alla descrizione realistica della vita in trincea, ecco emergere sia le considerazioni di Sturm, sia i suoi racconti – una storia nella storia – invero molto belli, come quelli seguenti:
 
Kettler era quel che si dice un uomo semplice, ma Sturm sapeva bene che, in fondo, non esistono affatto persone semplici. Certo, c’era chi provava le stesse impressioni allo stesso modo di molti altri, ma, appunto per questo, costoro erano, per quelli che sentivano in maniera del tutto diversa, tutt’altro che semplici da capire. Sturm, avvicinandosi a Kettler, cercava di incidere un taglio trasversale attraverso la comunità con la quale le circostanze gli imponevano di convivere. Questo genere di considerazione che, senza idee preconcette, riconduceva il singolo fenomeno allo stato delle cose in generale, gli riusciva semplice grazie alla sua preparazione scientifica.
E vediamo un incipit dei suoi due o tre “racconti nel racconto”:
«In una mattina d’inizio autunno, Tronck si incamminò per la sua solita passeggiata sulle strade della metropoli. Era una ti i quelle ore, singolari nel corso dell’anno, in cui un alito di consunzione offusca con ombre quasi impercettibili la forza dell’estate piena, una di quelle ore mattutine in cui si decide
che, la sera, si toglierà lo spolverino a tinta unita per indossare una giacca di mezza stagione a disegni scuri. Gli alberi del viale e l’erba dei prati si innalzavano ancora nelle loro vesti di verde radioso, era un ultimo slancio di verzura, che la pioggia del giorno prima aveva lucidato conferendole un metallico splendore. Eppure qua e là, nella massa del fogliame, scintillava una goccia di giallo, una scintilla di rosso e, di tanto in tanto, una foglia maculata, o marezzata sull’orlo, cadeva roteando sull’asfalto. Poteva averla colta il vortice d’aria di un tramvai o il colpo d’ala di un uccello: già si avvertiva la pesantezza che sognava in quelle foglie e le attirava verso la terra. La forza che aveva sospinto quella ricchezza dalle radici verso le cime era ormai esausta, e smaniosa di compiere il proprio ciclo. Le linee di confine che separavano colori e forme erano un po’ sbiadite. L’aria era lievemente intorbidita da una leggera foschia. Quel vapore non era ancora più intenso della nuvola di una goccia di latte in un bicchier d’acqua, eppure nel suo profumo era già riposto l’annuncio delle ondate di nebbia tenute in serbo per l’autunno. Era in corso una di quelle transizioni che, appena avvertite dai sensi, dischiudono dal fondo dell’anima misteriosi sentimenti di piacere o di tristezza.
(Un romanzo di cui consiglio la lettura).
 
 
 Ernst Jünger
Ernst Jünger (Heidelberg, 29 marzo 1895 – Riedlingen, 17 febbraio 1998) è stato un filosofo e scrittore tedesco. 

I primi anni e la guerra 
Ernst nacque, maggiore fra sette figli, dalla famiglia borghese e protestante del chimico-farmacista Georg Ernst Jünger (1868-1943) e di Caroline Lampl (1873-1950), nella quale il fratello Friedrich Georg, futuro scrittore, era il suo miglior amico. Trascorse l’infanzia a Hannover, dove il padre aveva un laboratorio, poi a Schwarzenberg; i frequenti cambiamenti di scuola lo resero uno studente di modesto profitto e per questo motivo dal 1905 studiò in collegio per poi rientrare, nel 1907, presso la famiglia a Rehburg da dove passò ancora nella Scharnhorst-Realschule di Wunstorf. Allo studio delle materie canoniche, preferiva l’entomologia e i romanzi d’avventura: scrisse anche poesie atteggiandosi a dandy.
A sedici anni, nel 1911, si iscrisse, con il fratello Friedrich, nell’associazione giovanile di ispirazione romantica ed ecologista Wandervogel (“Uccelli migratori”), fondata da Karl Fischer. Dopo essere passato a studiare nel liceo di Hameln, nell’estate del 1913 scappò in Francia e a Verdun si arruolò nella Legione straniera: venne trasferito in Algeria per essere addestrato nel campo di Sidi Bel Abbès. Con un compagno, cercò di fuggire anche di qui, ma fu ripreso in Marocco. Fu congedato e rimandato in Germania grazie all’intervento del padre e del Ministero degli Esteri tedesco, che richiesero il suo rientro in Germania, stante la sua minore età. Jünger narrerà quest’esperienza nel romanzo autobiografico Afrikanische Spiele (Ludi africani), pubblicato nel 1936.
Pochi mesi dopo, nell’agosto 1914, allo scoppio della prima guerra mondiale si arruolò volontario in fanteria: combatté sul fronte occidentale e, ferito quattordici volte su quello francese presso Cambrai, venne decorato nel 1917 con la Croce di ferro di prima classe e il 18 settembre 1918 con la più alta decorazione militare prussiana istituita da Federico il Grande, l’ordine Pour le Mérite.

Il dopoguerra
Ernst Jünger durante la prima guerra mondiale, appena decorato con l’Ordine di Hohenzollern.
Conclusa la guerra, continuò a servire nell’esercito, partecipando nel 1920 alla repressione del tentato putsch di Kapp. Si oppose alla Repubblica di Weimar, valutata come il risultato politico di una sconfitta militare considerata immeritata e dell’«onta» del trattato di Versailles. I suoi romanzi In Stahlgewittern. Aus den Tagebuch eines Stoßtruppführers, Nelle tempeste d’acciaio (1920-1922), Der Kampf als inneres Erlebnis (1922), Sturm (1923), Das Wäldchen 125. Eine Chronik aus den Grabenkämpfen, Boschetto 125 (1925), Feuer und Blut (1925), basati sulle sue personali esperienze del fronte, sono una riflessione sulla guerra e furono accolti con entusiasmo dalla stampa conservatrice tedesca.
Lasciato l’esercito nel 1923, studiò filosofia e zoologia a Parigi e a Napoli, intanto che aderiva per breve tempo all’organizzazione paramilitare dei Freikorps. Il 3 agosto 1925 si sposò con Gretha de Jeinsen, da cui il 1º maggio 1926, a Lipsia, ebbe il suo primo figlio Ernst (dai genitori sempre chiamato Ernstel) e il 26 lo scrittore interruppe gli studi universitari senza laurearsi, dedicandosi completamente alla scrittura. Nel 1934 nacque il secondogenito Alexander. Esponente di primo piano della Rivoluzione conservatrice, collaborò a diversi periodici nazional-rivoluzionari come Standarte, Vormarsch’, Arminius, Die Kommenden, Wochenschrift des neuen Nationalismus, Kampfschrift für deutsche Nationalisten e al Der Widerstand di Ernst Niekisch.
Benché prefiguratore del nazismo nel saggio del 1932 Der Arbeiter (L’operaio), non appoggiò attivamente il Partito nazionalsocialista di Adolf Hitler e rifiutò di dirigere l’unione nazista degli scrittori (Goebbels scrisse nei propri diari: «gli facemmo ponti d’oro che lui sempre si rifiutò di attraversare»).
La seconda guerra mondiale
Nel conflitto fu ufficiale della Wehrmacht a Parigi durante l’occupazione tedesca della Francia, intrattenendo rapporti culturali con scrittori francesi (ma litigando con Céline). Conosceva alcuni degli ufficiali prussiani che parteciparono al fallito attentato del 20 luglio 1944 sotto la direzione di Claus von Stauffenberg, ma essendo coinvolto in modo marginale non fu condannato o imprigionato ma solamente congedato dall’esercito. Il 29 novembre dello stesso anno il figlio Ernstel, inviato sul fronte italiano in un battaglione penale (aveva manifestato opinioni antinaziste) cadde in combattimento a Turigliano presso Carrara-Avenza. La notizia gli pervenne soltanto il 12 gennaio del 1945.[1] Ne poté recuperare le spoglie solo undici anni dopo, grazie all’americano Henry Furst, a Giovanni Ansaldo e al sedicenne Marcello Staglieno; spoglie traslate dallo stesso Furst a Wilflingen.[2] Dal gennaio al maggio 1945, congedato, fece parte della difesa civile a Kirchhorst.
Dal secondo dopoguerra alla morte
Dopo il conflitto venne comunque accusato di connivenza con il regime a causa del suo credo nazionalista, nonostante nei suoi scritti – soprattutto in Strahlungen e Diari 1941-1945[3] – la sfiducia per il regime hitleriano sia evidente. Tuttavia in Nationalismus und Judenfrage del 1930, Jünger aveva descritto gli Ebrei come una minaccia per l’unità dei Tedeschi. Cominciò a intrattenere una fitta corrispondenza con i principali intellettuali tedeschi, dallo stesso Schmitt a Martin Heidegger. Gli fu interdetto di pubblicare in Germania sino al 1949. Nel 1950 si trasferì a Wilflingen, villaggio dell’Alta Svevia, abitando nella foresteria del castello dei von Stauffenberg, dove rimase sino alla morte. Per tutta la vita sperimentò diverse sostanze, in particolare LSD e mescalina ma anche etere, hashish e cocaina. Intraprese altri viaggi, nel Mediterraneo e in Oriente, scrivendo e coltivando la giovanile passione entomologica, trovando nuove specie di coleotteri che a tutt’oggi portano il suo nome, quali il Carabus saphyrinus juengeri e la Cicindera juengeri juengerorum. Dal 1960 al 1972 diresse, insieme a Mircea Eliade, la rivista Antaios, pubblicata dall’Editore Klett di Stoccarda, che ha altresì pubblicato in ventimila pagine l’intera opera di Jünger (la cui seconda moglie, l’insegnante-archivista Liselotte Lohrer nata Baeuerle sposata nel 1962, nella residenza di Wilflingen trasformata in Fondazione, e nell’Archivio nazionale della Letteratura tedesca a Marbach presso Stoccarda dopo la morte del marito ne ha riordinato i manoscritti e l’epistolario).